Salta ai contenuti. | Salta alla navigazione

Azienda Ospedaliero-Universitaria di Ferrara

Carcinoma in situ della mammella

Il medico specialista che riceve questa diagnosi deciderà, in base agli altri elementi diagnostici in suo possesso, quale eventuale ulteriore provvedimento assumere nel Suo caso.


1. In situ
In situ - dal latino "sul posto" - significa che il tumore è ancora contenuto dentro gli spazi ghiandolari, duttali e lobulari, della struttura mammaria e che, quindi, non può essersi disseminato e aver prodotto metastasi in altre parti del corpo.

2. Duttale e lobulare
Si distinguono due tipi diversi di carcinoma in situ della mammella:
a) Carcinoma duttale in situ - sinonimo più usato Carcinoma intraduttale
b) Carcinoma lobulare in situ
che presentano aspetti differenti al microscopio, ma anche in termini di prognosi e trattamento - vedi.

3. Carcinoma intraduttale (duttale in situ) grado basso o alto o intermedio
Il carcinoma intraduttale può presentare atipie dei nuclei cellulari che vengono così progressivamente graduate al microscopio; le forme basso grado hanno minore probabilità di recidiva di quelle ad alto grado, e ciò può influenzare l'iter terapeutico successivo suggerito dal medico specialista che riceve questa diagnosi.

4. Carcinoma intraduttale (duttale in situ) cribriforme o micropapillare o papillare o solido o comedo
Questi termini definiscono differenti aspetti microscopici del carcinoma intraduttale, che possono influenzare gli ulteriori provvedimenti decisi nel Suo caso dal medico specialista che riceve questa diagnosi.

5. Significato clinico del Carcinoma intraduttale (duttale in situ)
Il carcinoma intraduttale è una lesione neoplastica iniziale che ha una eccellente prognosi, ma che deve essere asportato completamente perchè può recidivare ed evolvere in carcinoma infiltrante (vedi). La completezza dell'asportazione risulta dalla valutazione dei margini (vedi) eseguita dall'anatomopatologo.


6. Margini
Per evitare le recidive locali del carcinoma intraduttale è importante che tutto il tumore venga completamente asportato; per cui lo specialista anatomopatologo adotta una procedura particolare per identificare e valutare i margini della resezione chirurgica.

7. Significato clinico di Carcinoma lobulare in situ
Il carcinoma lobulare in situ è una lesione pre-neoplastica microscopica, spesso multicentrica e talora bilaterale, che aumenta il rischio di sviluppare nel tempo un successivo carcinoma infiltrante nella stessa mammella od in quella controlaterale.
Stante la frequente multicentricità, in genere non si procede a resezione chirurgica e non si applica lo studio dei margini, ma si adottano provvedimenti di monitoraggio o altri preventivi, decisi nel Suo caso dal medico specialista che riceve questa diagnosi.









 

creato da Webmaster pubblicato il 28/05/2010 18:10, ultima modifica 29/09/2011 11:18

Azioni sul documento

Strumenti personali