Salta al contenuto

GIORNATA MONDIALE SENZA TABACCO: L’IMPEGNO DEL GRUPPO MUTIDISCIPLINARE “TUMORE DEL POLMONE”

Data:

28-05-2021

da sinistra: Tamburini, dott.ssa Stefania Pedrazzi (Case Manager Pdta Polmone), Borciani, prof. Giorgio Cavallesco (Direttore Dipartimento Chirurgico)
da sinistra: Tamburini, dott.ssa Stefania Pedrazzi (Case Manager Pdta Polmone), Borciani, prof. Giorgio Cavallesco (Direttore Dipartimento Chirurgico)

Quest’anno, in occasione della “Giornata mondiale senza tabacco” che si svolgerà lunedì 31 maggio, il Gruppo multidisciplinare per la diagnosi e cura del tumore del polmone dell’Azienda Ospedaliero – Universitaria di Ferrara e AUSL di Ferrara, ha partecipato attivamente all’evento attraverso una serie di incontri presso le scuole superiori. Gli appuntamenti, che si si sono svolti attraverso lezioni frontali tenute da due professionisti del gruppo multidisciplinare del tumore del polmone, hanno avuto come destinatari gli alunni delle classi prime dell’ITI Copernico Carpeggiani e IPSIA di Ferrara. I docenti hanno utilizzato, in classe tecniche, di apprendimento attivo (interviste, elaborazioni grafiche) che hanno consentito agli studenti di essere protagonisti del percorso educativo.

La giornata mondiale senza tabacco rappresenta un appuntamento di prevenzione che ricorre dal 1988 e che mira a sensibilizzare le persone sui pericoli alla salute derivanti dal fumo di sigarette. Il fumo di tabacco è ancora oggi il più frequente e pericoloso fattore di rischio per la salute che provoca oltre 80.000 morti ogni anno in Italia, patologie cardiovascolari, pneumologiche e neoplastiche che determinano elevati costi sanitari e sociali. Purtroppo l'abitudine al fumo, sempre più frequentemente, si acquisisce molto precocemente e si consolida in una vera e propria dipendenza durante gli anni di frequenza scolastica, tra i 12 e i 18anni.

Le ricerche svolte negli ultimi anni suggeriscono che in molti Paesi tra i giovani e giovanissimi sta aumentando l'abitudine a fumare, in particolare, tra le ragazze. Anche la presenza sul mercato di nuovi prodotti (sigarette elettroniche e prodotti senza combustione) può risultare attrattiva per i giovani, in quanto tali prodotti possono erroneamente essere considerati a rischio ridotto per la salute. Le attuali evidenze scientifiche non consentono di sostenere questa affermazione e di conoscere gli effetti a lungo termine del loro consumo, ma sigarette elettroniche e prodotti senza combustione, spesso promossi come tali, possono creare dipendenza, se contengono nicotina, e causare danni per la salute. È necessario pertanto sviluppare azioni efficaci a livello comunitario e in ambito scolastico per prevenire l'iniziazione al fumo tra i giovani.

Dal 2018 il gruppo multidisciplinare del tumore del polmone aderisce all'iniziativa internazionale "Novembre mese della sensibilizzazione al tumore del polmone", attraverso una serie di incontri utili a sensibilizzare la popolazione ferrarese.

“Purtroppo quest’anno, causa pandemia, non abbiamo potuto organizzare gli incontri nel mese di novembre” afferma il dott. Nicola Tamburini, chirurgo toracico presso l’Azienda Ospedaliero - Universitaria di Ferrara. “Si è nel frattempo rafforzata nel nostro gruppo l’idea di proseguire con l’informazione e la sensibilizzazione nei confronti della popolazione ferrarese. Abbiamo pensato quindi di rivolgerci ai giovani, parlando degli effetti del fumo di sigaretta attraverso degli incontri a distanza”.

“Partecipiamo con piacere all’iniziativa che ci propone il gruppo multidisciplinare”, commenta il Dirigente Scolastico, dott. Francesco Borciani. “Crescere liberi dal fumo, non essere condizionati dal fastidio del fumo degli altri e dalla schiavitù del proprio è una parte importante di quell’educazione civica, ora materia di studio, che insegna la cura di sé e il rispetto per gli altri. Non una guerra al fumo o un gioco a nascondino con i fumatori, ma la scoperta del piacere di non fumare potrebbe essere la linea che guida i nostri interventi. La collaborazione con il gruppo dell’Azienda Ospedaliero-Universitaria e AUSL di Ferrara ci darà le basi medico-scientifiche che rafforzano la nostra motivazione. Inoltre sarà un utile momento di apprendimento e di riflessione per i nostri studenti: li ringraziamo quindi per l’occasione”.

A cura di

Questa pagina è gestita da

Ulteriori informazioni

Ultimo aggiornamento

28-05-2021 09:05

Questa pagina ti è stata utile?