Salta ai contenuti. | Salta alla navigazione

Azienda Ospedaliero-Universitaria di Ferrara

Utero - Corpo Diagnosi Istologica

Il medico specialista che riceve questa diagnosi deciderà, in base agli altri elementi diagnostici in suo possesso, quale eventuale ulteriore provvedimento assumere nel Suo caso.

1. Endometriosi
E' una frequente condizione caratterizzata dalla presenza di tessuto endometriale al di fuori dell'utero, in particolare nel peritoneo plevico e nelle ovaie, responsabile di sintomatologia dolorosa e di infertilità.

2. Polipo endometriale
E' una neoformazione nodulare benigna dell'endometrio che protrude nella cavità uterina.
L'asportazione è in genere risolutiva.

3. Iperplasia endometriale semplice
E' una esagerata risposta proliferativa diffusa agli estrogeni che produce un aumento (iperplasia) del tessuto endometriale rispetto alla normale rigenerazione che si verifica nella prima parte di ogni ciclo mestruale.
E' una lesione beingna e non comporta un significativo rischio di sviluppare un carcinoma.

4. Iperplasia endometriale complessa
E' una crescita anomala circoscritta delle ghiandole endometriali sostenuta dagli ormoni estrogeni.
Viene considerata come una lesione preneoplastica molto iniziale e comporta un lieve aumento di rischio di sviluppare successivamente un carcinoma.

5. Iperplasia endometriale atipica - semplice o complessa
E' una proliferazione ghiandolare (iperplasia semplice o complessa) che presenta caratteristiche citologiche atipiche.
E' una lesione preneoplastica che comporta un significativo aumento di rischio di sviluppare un carcinoma.

6. Adenocarcinoma endometrioide
E' la varietà più frequente di tumore maligno dell'endometrio con differenziazione ghiandolare, che può invadere la parete dell'utero (miometrio) e più raramente disseminarsi ad altri organi. Può presentare alcune varianti (villoghiandolare, mucinoso, secretorio, con differenziazione squamosa) che non ne influenzano il decorso.
La malignità viene valutata dall'anatomopatologo in base alla differenziazione, distinguendo 3 gradi (grado 1, ben differenziato; grado 2, moderatamente differenziato; grado 3, poco differenziato) ed alla profondità di invasione della parete (metà interna-esterna).

7. Adenocarcinoma sieroso (papillare)
E' una varietà più rara di tumore maligno dell'endometrio che presenta un comportamento più aggressivo per la tendenza ad infiltrare la parete dell'utero ed a propagarsi al di fuori dell'utero stesso.

8. Adenocarcinoma a cellule chiare
E' una varietà rara di tumore maligno dell'endometrio, frequentemente diagnosticato in stadio clinico avanzato.

9. Carcinoma a cellule squamose, Carcinoma a cellule transizionali, Carcinoma a piccole cellule, Carcinoma indifferenziato
Sono alcune delle varietà molto rare di tumore maligno dell'endometrio, la cui aggressività viene valutata soprattutto in base alla stadiazione.

10. Carcinosarcoma (Carcinoma metaplastico, Tumore misto mulleriano maligno)
E' un tumore maligno dell'utero, più frequente nelle donne anziane, che presenta in genere un comportamento aggressivo; la prognosi è correlata allo stadio.

11. Adenosarcoma
E' una rara neoplasia dell'utero a basso grado di malignità, che si osserva in donne di tutte le età e che può recidivare anche molti anni dopo l'asportazione.

12. Leiomioma
E' una frequente neoplasia benigna, spesso multipla, della parete muscolare dell'utero; può presentare alcune varianti (L. cellulare, L. mitoticamente attivo, L. mixoide, L. simplastico, Lipoleiomioma) che non si associano a modificazioni del comportamento clinico.

13. Leiomiosarcoma
E' un raro tumore maligno, in genere solitario, presentante una differenziazione muscolare, la cui prognosi dipende principalmente dalla sua estensione (stadiazione).

14. Sarcoma stromale endometriale
E' un raro tumore maligno dell'endometrio di cui l'anatomopatologo distingue due varietà: basso grado, con decorso indolente e buona prongosi; alto grado o indifferenziato, molto aggressivo, spesso in fase avanzata già al momento dellla diagnosi.


 

creato da Webmaster pubblicato il 24/06/2010 15:28, ultima modifica 29/09/2011 11:18

Azioni sul documento

Strumenti personali