Vai ai contenuti. | Spostati sulla navigazione

Azienda Ospedaliero-Universitaria di Ferrara

Dove deve andare?

maps.ospfe.it

maps


Uno strumento che permette di cercare per “reparto o servizio” o per “nome del medico”, individuando con precisione la posizione all’interno della mappa. Per raggiungere la sede desiderata sarà sufficiente selezionare la voce d’interesse, visualizzare l’ingresso (con parcheggio consigliato) e calcolare il percorso.

Ufficio Relazioni con il Pubblico

Dal lunedì al venerdì dalle ore 8.30 alle ore 16.30, il sabato dalle ore 8.30 alle ore 13.30, in altri orari si riceve su appuntamento.

Tel. +39 0532 236.425
Fax. +39 0532 236.895 
e-mail: urp@ospfe.it

Clicca qui per reclami, suggerimenti e proposte

Contenuto medico scientifico attendibile

I tre bollini rosa




direttori.png

 

Tiroide: Diagnosi Citologica

DIAGNOSI CITOLOGICA DELLA TIROIDE
La diagnosi citologica della tiroide è di integrazione alla diagnosi clinica endocrinologica e di laboratorio. Con il prelievo citologico si valutano quadri infiammatori o disfunzionali oppure presenza/assenza di anomalie cellulari. Anche in base al reperto citologico il medico specialista deciderà eventuali ulteriori accertamenti, terapie, controlli.
Per la diagnosi citologica della tiroide adottiamo la classificazione internazionale "Sistema Bethesda per la citopatologia tiroidea 2010".

Il significato del Suo referto è il seguente:

- Reperto citologico non diagnostico
campione senza atipie, su cui tuttavia non è possibile formulare la diagnosi per motivi molteplici. Ad esempio, il campione può essere esclusivamente ematico oppure contenere un numero di cellule tiroidee troppo esiguo per la diagnosi.

- Reperto citologico benigno
campione senza atipie, compatibile con varie condizioni benigne. Tra queste, per esempio, il nodulo colloido-cistico oppure il nodulo iperplastico, condizioni benigne molto frequenti, di solito disfunzionali. Il reperto benigno può anche riferirsi a tiroidite di Hashimoto: si tratta di un processo infiammatorio cronico autoimmune. Anche la tiroidite subacuta di de Quervain appartiene a questo gruppo di reperto benigno: si tratta di un processo infiammatorio sub-acuto della tiroide, in genere di origine virale. Per la spiegazione di queste lesioni può fare riferimento al Dizionario delle Diagnosi Istologiche.

- Lesione follicolare di significato indeterminato
campione con caratteristiche di processo proliferativo indeterminato, generalmente benigno, eventualmente da definire con ulteriori accertamenti. La specificazione "con prevalente componente oncocitaria" si riferisce semplicemente ad una caratteristica citologica senza implicazioni tumorali.

- Atipia di significato indeterminato
campione con cellule atipiche di non chiaro significato, generalmente secondarie a processi benigni, e raramente correlate a tumore. Per la definizione di questo reperto potrebbero rendersi necessari ulteriori accertamenti.

- Reperto citologico sospetto di neoplasia follicolare
campione con cellule sospette di tumore, nella massima parte dei casi benigno (adenoma follicolare. Il termine "follicolare" ed il termine "con componente oncocitaria" si riferiscono ad aspetti cellulari, per la cui spiegazione può fare riferimento al Dizionario delle Diagnosi Istologiche.

- Reperto citologico sospetto di…
campione con cellule sospette di tumore maligno, di vario tipo. Per la spiegazione dei tipi di tumore può fare riferimento al Dizionario delle Diagnosi Istologiche.

- Reperto citologico maligno…
campione con cellule indicative di tumore maligno, di vario tipo. Per la spiegazione dei tipi di tumore può fare riferimento al sottocapitolo Tiroide: Diagnosi Istologica.





 

creato da Webmaster ultima modifica 29/09/2011 11:18
Azioni sul documento
Strumenti personali