Salta ai contenuti. | Salta alla navigazione

Azienda Ospedaliero-Universitaria di Ferrara

Tu sei qui: Portale L'informazione News TRASFERIMENTO PAZIENTI DAL S. ANNA IN CORSO GIOVECCA AL S. ANNA A CONA

Comunicato Stampa del 29 maggio 2012

TRASFERIMENTO PAZIENTI DAL S. ANNA IN CORSO GIOVECCA AL S. ANNA A CONA

archiviato sotto:
22° GIORNO - OGGI TRASFERITI 18 PAZIENTI DEL DIPARTIMENTO CHIURURGICO. QUATTRO LE UNITA’ OPERATIVE COINVOLTE: CHIRURGIA GENERALE, CHIRURGIA VASCOLARE, UROLOGIA E CLINICA CHIRURGICA - DOMANI IL TRASFERIMENTO DELLA TERAPIA INTENSIVA - LA SITUAZIONE DOPO IL TERREMOTO

Nella giornata di oggi, martedì 29 maggio 2012, si è effettuato il trasferimento dei pazienti del Dipartimento Chirurgico dal S. Anna di corso Giovecca al S. Anna a Cona. I pazienti trasferiti sono stati 18 e 4 le Unità Operative coinvolte: Chirurgia Generale, Chirurgia Vascolare, Urologia e Clinica Chirurgica. Nonostante le ripetute e consistenti scosse di terremoto, non si sono registrati problemi. Il trasferimento si è concluso attorno alle ore 12.00.

Domani sarà la volta del trasferimento della Terapia Intensiva Universitaria. Saranno due i pazienti che verranno portati nei letti di degenza di Cona.

Si ricorda che l’Unità Operativa di Chirurgia d’Urgenza rimane ancora al S. Anna in corso Giovecca a supporto delle attività di Pronto Soccorso che continua la propria attività solo ed esclusivamente a Ferrara.

SITUAZIONE TERREMOTO

Centrale Operativa 118. Dalle ore 9.02 alle ore 15.00 sono stati 64 i servizi di soccorso gestiti dalla Centrale Operativa del 118; 29 di questi nell’area dell’alto ferrarese interessata dal terremoto. Di questi 29, due i casi più gravi (entrambe donne): la prima donna, alle 9.05, ha subito un forte trauma cranico a Cento ed è stata trasportata direttamente all’ospedale Maggiore di Bologna (codice 3); la seconda donna, alle ore 10.31, è stata trasportata al Pronto Soccorso dell’ospedale di Cento con una frattura al femore e subito dirottata verso il Rizzoli di Bologna. 4 le ambulanze supplementari utilizzate, di cui una con il medico a bordo (rientrate al termine dell’emergenza).

Pronto Soccorso. La situazione in Pronto Soccorso non ha fatto preoccupare la Direzione Sanitaria del S. Anna. Non si sono registrati iper afflussi o particolare situazioni legate al terremoto.

Situazione al S. Anna in corso Giovecca. I professionisti del Servizio Tecnico dell’Azienda, pochi minuti dopo la prima forte scossa di terremoto, hanno iniziato il giro di verifica della struttura di corso Giovecca. Non si sono registrati particolari danni. L’unico stabile che è stato chiuso definitivamente è il Servizio Diagnosi e Cura (SPDC), i cui pazienti sono stati trasferiti a carico dell’Asl.

L’attività programmata di Day Hospital, sala operatoria ed ambulatoriale, già sospesa dopo le scosse di stamane, rimarrà bloccata anche domani (mercoledì 30 maggio 2012).

Alcune stanze dell’ospedale S. Giorgio sono state aperte per ospitare pazienti cerebrolesi provenienti dalle Unità Operative di Neurochirurgia e Rianimazione del S. Anna in corso Giovecca. In tutto sono stati trasferiti 6 pazienti: 5 dalla Neurochirurgia di corso Giovecca (4 dei quali a San Giorgio ed 1 al S. Anna a Cona) ed 1 dalla Rianimazione del S. Anna in Giovecca verso il San Giorgio.

Situazione al S. Anna a Cona. Le forti scosse di questa mattina si sono avvertite nitidamente anche nella nuova struttura di Cona. Nessun danno strutturale è stato accertato dei Tecnici, che hanno effettuato un accurato sopralluogo.

creato da Dallacqua Luca pubblicato il 29/05/2012 18:07, ultima modifica 29/05/2012 18:07

Azioni sul documento

Strumenti personali