Salta ai contenuti. | Salta alla navigazione

Azienda Ospedaliero-Universitaria di Ferrara

Tu sei qui: Portale L'informazione News SULLA NOTA DEL SINDACATO NURSING UP

Ferrara, 17 aprile 2020

SULLA NOTA DEL SINDACATO NURSING UP

archiviato sotto: ,
Come ormai d’uso da qualche tempo il Nursing Up continua ad ispirare la propria legittima azione sindacale alle antiche divinità a doppia faccia, presentandone una durante le sedute sindacali ed utilizzandone un’altra quando comunica attraverso i media.

La duplicità, qui annotata come semplice dato di fatto, rientra nella libertà e responsabilità di chi sceglie di esercitarla e questa Azienda si astiene da qualsiasi giudizio in merito. Ciò che non può passare sotto silenzio è la rappresentazione di comodo che viene fatta, attraverso e per mezzo di stampa, della vicenda in argomento e delle connesse responsabilità proprie del sindacato in questione.

In estrema sintesi e ad evitare che con il Verbale di incontro, e non verbale di Intesa, venga lacerata anche la verità dei fatti si precisa quanto segue.

La concessione ai “dirigenti infermieristici e non …” di un aumento contrattuale da 5mila a 12mila euro non è una manovra di asservimento dei suddetti dirigenti ma semplicemente l’applicazione di un istituto, già presente nella pratica da tempo ed ultimamente rivalutato dal Contratto Nazionale vigente, sottoscritto anche dal sindacato Nursing Up. Si tratta dei cd. “Incarichi di funzione” istituiti per tutti i ruoli, non solo per quello sanitario, ed attraverso cui, a fronte di attività ulteriori rispetto al contenuto del profilo professionale, possono essere assegnati incarichi di tipo organizzativo o professionale, rendendo in tal modo concreto ed effettivo il processo di responsabilizzazione e di elevazione del personale assistenziale (infermieristico, tecnico RX etc). In estrema sintesi la criticata concessione non è una trovata di questa Azienda, è rivolta esclusivamente al personale non dirigenziale di tutti i profili; non è un aumento contrattuale indistinto ma un riconoscimento economico a fronte dell’esercizio di un incarico, conferito a seguito di selezione preceduta da un avviso pubblico aperto a tutti coloro che ne posseggano i requisiti.

A proposito dell’assenza di riferimenti temporali la grossolanità e le altre falsificazioni sulla vicenda in argomento, riportate in virgolettato, risultano di evidenza palmare, come dimostra la stessa precisazione di Estense.com e la semplice lettura del verbale pubblicato nella sezione Intranet del sito aziendale. Per il resto, in effetti, abbiamo qualche difficoltà a ringraziare il sindacato Nursing Up ma nessuna remora a ringraziare l’impegno e l’opera di chi lavora quotidianamente, come abbiamo già fatto in più di un’occasione e, soprattutto e concretamente, attraverso il potenziamento degli organici deputati all’assistenza, attuato repentinamente e sin da subito. L’esigenza di alleviare, nei limiti del possibile, il peso dei carichi di lavoro del personale spiega anche il ricorso a forme non usuali di reclutamento, come l’assegnazione di contratti CO.CO.CO e libero professionali, il cui compenso può essere giudicato basso dal Nursing Up solo a condizione di omettere che le tariffe orarie praticate in questa Azienda sono perfettamente in linea con quelle riconosciute da altre Aziende della regione.

L’ansia di tutela di questi lavoratori in regime libero professionale che ora anima il Nursing Up si è manifestata solo sui media, visto che la proposta di includerli negli interventi di premiazione, da cui sarebbero esclusi in quanto non dipendenti, è stata avanzata sul tavolo sindacale dalla delegazione aziendale e poi accolta. La natura privatistica del contratto conferito spiega anche la fonte di finanziamento che, in ossequio con l’attuale ordinamento contabile, non poteva essere individuata né a carico dei fondi della contrattazione e né a carico del bilancio aziendale. L’utilizzo delle risorse ricevute in donazione che riguarda, come esplicitamente specificato nel verbale, le liberalità elargite senza vincolo di destinazione, oltreché perfettamente legittimo sul piano giuridico lo è altrettanto sul piano etico-morale, in quanto risorse destinate a testimoniare il ringraziamento che tutti i cittadini stanno tributando a chi affronta il contrasto all’epidemia con impegno ed abnegazione senza guardare alla natura del contratto che gli permette di agire a beneficio di chi ha bisogno.

 

                                                                 

 SAVINO IACOVIELLO

Presidente della Delegazione Trattante di parte datoriale



LEGGI L'ARTICOLO SU ESTENSE.COM QUI

LEGGI L'ARTICOLO SULLA NUOVA FERRARA QUI

creato da ufficiostampa pubblicato il 17/04/2020 18:05, ultima modifica 20/04/2020 14:24

Azioni sul documento

Strumenti personali