Salta ai contenuti. | Salta alla navigazione

Azienda Ospedaliero-Universitaria di Ferrara

Tu sei qui: Portale L'informazione News PET THERAPY, CONCLUSA L’ESPERIENZA A CONA

Ferrara, 22 luglio 2014

PET THERAPY, CONCLUSA L’ESPERIENZA A CONA

archiviato sotto:
L’ASSOCIAZIONE CHIARAMILLA: “LAVORARE CON GLI ANIMALI NEL REPARTO DI ONCOEMATOLOGIA E’ STATO FANTASTICO”
PET THERAPY, CONCLUSA L’ESPERIENZA A CONA

INTERVENTO OPERATORI PET THERAPY IN OSPEDALE

Mercoledì 23 luglio alle ore 10.30 presso la sala giochi del reparto di Oncoematologia Pediatrica dell’Ospedale Sant’Anna gli Operatori Pet Therapy dell’Associazione “Chiara Milla” incontreranno i genitori dei quattro bambini ospedalizzati che hanno partecipato agli incontri della prima fase sperimentale del progetto “Con un battito di Coda: interventi di attività assistita da animali all’interno dei reparti di Pediatria e Oncoematologia Pediatrica”.

Sin dal primo ingresso degli animali in ospedale si è potuto osservare un grande entusiasmo sia da parte delle famiglie sia da parte dei piccoli pazienti che si sono resi immediatamente disponibili alla relazione e al gioco con i cani. Gli interventi si sono svolti con la presenza di due “operatori pet” e con la supervisione di Marina Casciani, pedagogista responsabile dell’APS ChiaraMilla. Sono stati raccolti molti dati al fine di monitorare l’andamento e i benefici dell’attività mirati a sottolineare l’importante aspetto terapeutico dell’ingresso degli animali in ambiente ospedaliero.

Nel reparto si sono svolti 5 incontri a cadenza di quindici giorni l’uno dall’altro e il gruppo di bambini partecipanti non è mai variato, consentendo un lavoro che ha mantenuto una certa continuità per creare un percorso di crescita, di relazione e motivazione nei bambini stessi.

I piccoli pazienti che hanno partecipato sono bambini che hanno per lo più superato la fase critica della malattia e che frequentano l’ospedale per le cure mediche e i controlli; una fase nella quale il genitore fatica a convincere il bambino - che ormai si sente bene ed è già tornato a casa - a rientrare in struttura anche per un solo giorno. L’incontro con gli animali è stato in questo senso una forte motivazione per i piccoli pazienti. Inoltre, durante i vari incontri, i bambini hanno legato molto tra di loro e con gli “operatori pet” mostrando come gli animali stessi fossero diventati una sorta di mediatori relazionali.

L’attività è stata volta prevalentemente per condurre un avvicinamento all’animale che consentisse ai bambini di fare un’esperienza di contatto (con estrema attenzione all’igiene, utilizzando frequentemente salviette disinfettanti per pulire le mani dei bambini) e far capire loro le regole della corretta modalità di relazione. Si è lavorato distraendo i bambini dall’ambiente ospedaliero trascorrendo un’ora e mezzo di gioco e divertimento senza il pensiero della malattia.

creato da Dallacqua Luca pubblicato il 22/07/2014 10:28, ultima modifica 22/07/2014 10:28

Azioni sul documento

Strumenti personali