Salta ai contenuti. | Salta alla navigazione

Azienda Ospedaliero-Universitaria di Ferrara

Tu sei qui: Portale L'informazione News Coronavirus Coronavirus: informazioni per i dipendenti Attività interna ed esterna di Processazione Tamponi Attività interna ed esterna di Processazione Tamponi

Attività interna ed esterna di Processazione Tamponi

FASE 1 – LABORATORIO CRREM BOLOGNA

L’Azienda Ospedaliero-Universitaria di Ferrara ha iniziato, dal febbraio 2020, ad inviare i campioni per sospetti Covid+ presso il Laboratorio CRREM di Bologna. La nostra Azienda li ha inviati presso questo centro fino al 14 marzo 2020, ma i tempi di risposta (visto il sempre maggior numero di campioni processati dal laboratorio di Bologna) non riuscivano più a soddisfare le esigenze di mantenere un alto turn over delle presenze nei reparti COVID sospetti. FASE CONCLUSA

 

FASE 2 - LABORATORIO UNICO DEL CENTRO SERVIZI DI PIEVESESTINA (CESENA)

Dal 14 marzo 2020 la nostra Azienda ha stipulato una convenzione con il Laboratorio Unico del Centro Servizi di Pievesestina di Cesena. A partire da quella data tutti i tamponi provenienti dal S. Anna sono convogliati in Romagna.
L’Ospedale di Cona invia a questo laboratorio circa 30 campioni/die (compreso il personale). Questi numeri variano a seconda dei campioni eseguiti sul nostro personale interno.
I Tempi di risposta sono mediamente intorno alle 24 ore.

laboratorio pievesestina.jpg

per visitare la pagina del Laboratorio Unico del Centro Servizi dell’AUSL Romagna clicca QUI

 

FASE 3 – LABORATORIO ANALISI AZIENDA OSPEDALIERO-UNIVERSITARIA DI FERRARA

A partire da mercoledì 25 marzo 2020 l’Azienda è in grado di processare presso il proprio Laboratorio Analisi una parte dei tamponi eseguiti in ospedale. La capacità produttiva aumenterà nel corso delle settimane successive in relazione alla consegna dei reagenti e alla acquisizione di una ulteriore apparecchiatura di analisi. La massima capacità produttiva (250 tamponi/die) sarà raggiunta dal 9 aprile. L’utilizzo del Laboratorio interno permette di avere risposte al massimo entro 12 ore dall’esecuzione del tampone (tempo di risposta riducibile a massimo 4 ore dal 30 marzo).

L’utilizzo del Laboratorio di Cona segue queste priorità di destinazione:

  1. Pazienti delle degenze COVID 1 sospetti e COVID 2 sospetti (al fine di velocizzare il turn over di queste degenze e consentire quanto più possibile il ricovero in stanza singola di questi pazienti ad alto sospetto di malattia)
  2. Pazienti sospetti di tutte le altre UU.OO. Cona (compresi secondi tamponi)
  3. Screening degli operatori sanitari esposti accidentalmente o contumaciati
  4. Screening degli operatori sanitari paucisintomatici in degenze covid free
  5. Screening quindicinale degli operatori sanitari di degenze COVID+

Nel periodo 25 marzo-9 aprile tutti i tamponi non processabili presso il Lab. di Cona per eccedenza della capacità produttiva giornaliera saranno inviati presso il Laboratorio di Pievesestina. Dal 9 aprile sarà possibile processare presso il Lab. di Cona tutta la richiesta della Provincia di Ferrara (con cessazione dell’invio presso Pievesestina/Bologna anche da parte della AUSL).

Il tempogramma di sviluppo della capacità produttiva del laboratorio è il seguente:

  1. Dal 25 al 27 marzo 2020 vengono processati a Cona 25 tamponi al giorno: 20 per degenze COVID 1 e 2 sospetti e 5 per dipendenti già in quarantena. Il resto è inviato a Pievesestina (media invio Pievesestina 20 tamponi/die).
  2. Il 28 e 29 marzo 2020 vengono processati a Cona 50 tamponi al giorno: previsione di 30 tamponi per tutte le richieste delle UUOO Cona e 20 per Screening degli Operatori esposti accidentalmente o contumaciati e operatori paucisintomatici in degenze covid free. Dal 28 marzo AOSP Ferrara non invia più tamponi a Pievesestina, salvo eccedenze impreviste. L’esecuzione dei tamponi rispetterà comunque i criteri di priorità sopra elencati fino a saturazione della capacità produttiva.
  3. Dal 30 marzo al 13 aprile 2020 vengono processati a Cona 70 tamponi al giorno: previsione di 40 tamponi per tutte le richieste delle UUOO Cona (con aumento del numero di tamponi in PS per pazienti non ricoverati) e 30 per Screening degli Operatori esposti accidentalmente o contumaciati e operatori paucisintomatici in degenze covid free e Screening quindicinale degli operatori sanitari di degenze COVID+. L’esecuzione dei tamponi rispetterà comunque i criteri di priorità sopra elencati fino a saturazione della capacità produttiva.
  4. Dal 13 aprile 2020 vengono processati a Cona 120 tamponi al giorno con risposta a tutte le richieste delle UUOO Cona e delle richieste più urgenti (fino a 50 tamponi al giorno) della Provincia di Ferrara in carico al Dipartimento Sanità pubblica. AUSL Ferrara invierà in Laboratori fuori provincia solo una parte dei tamponi ritenuti non prioritari, la richiesta AUSL attuale è di 80/die, da aggiungere screening dipendenti in altri presumibili 60/die - Totale Ausl 140. Ipotizziamo che a partire dalla seconda settimana di maggio sarà possibile implementare ulteriormente il numero dei tamponi fino a 200 al giorno, potenziando il servizio sulla provincia di Ferrara, con priorità da concordare con l’AUSL.
  5. Dal 19 maggio 2020 è attiva l’accettazione e la refertazione dei tamponi H24. Per tutti i pazienti che accederanno al Pronto Soccorso sarà possibile la divisione dei test secondo le priorità: test emergenti con referto in 4-6 ore e test urgenti/routinari con referto in 12-24 ore. L’attivazione di tale percorso si è resa necessaria per individuare la migliore e più precoce strategia di gestione del paziente.
  6. Dal 27 maggio 2020 sarà attivata l'esecuzione di tamponi prericovero per tutti i pazienti chirurgici programmati (ricovero ordinario e DS) inviati dal CUNICO. L’attività diagnostica del Laboratorio sarà, al momento, interamente dedicata a coprire le necessità dall’Azienda Ospedaliera e comporterà l’esecuzione di circa 180 tamponi al giorno.
  7. Dal 30 giugno 2020, a seguito dell’implementazione delle linee produttive con l’introduzione di nuove strumentazioni, si raggiunge un potenziale diagnostico di circa 500 tamponi/die.
  8. A partire dal 15 luglio 2020 il Laboratorio del S. Anna raggiunge l’autonomia provinciale nella processazione dei tamponi, ovvero è in grado di analizzare anche la totalità dei tamponi provenienti dal Dipartimento di Sanità Pubblica.
  9. A partire dall’1 ottobre 2020, grazie all’acquisizione di strumentazioni ad elevata automazione, il Laboratorio è in grado di processare fino a 1800 tamponi/die, ponendosi nelle condizioni di far fronte alle crescenti esigenze diagnostiche dovute alla seconda ondata pandemica.
  10. Nell'autunno 2020 l’attività di diagnostica molecolare per SARS-CoV-2 del Laboratorio si è intensificata e potenziata, per potenziare ulteriormente la sorveglianza sanitaria e ridurre a 15 giorni le tempistiche dello screening periodico dei dipendenti. Questo anche a seguito delle pressioni diagnostiche dovute alle esigenze sempre più crescenti di tracciamento territoriale da parte del Dipartimento di Sanità Pubblica. Nei mesi di novembre 2020 e marzo 2021 è stata talvolta superata la quota dei 2000 tamponi al giorno.
  11. Dal 4 dicembre 2020 in un razionale di costante e attivo monitoraggio epidemiologico e di sorveglianza sanitaria, a seguito della dotazione di tecnologie di laboratorio finalizzate ad implementare lo screening per SARS-CoV-2, è stato introdotto l’utilizzo dei test antigenici rapidi in ambiti selezionati, quali ricoveri programmati in regime di Day Hospital o Day Service in pazienti a basso rischio di COVID-19 ma con patologie croniche che prevedono un accesso ospedaliero frequente.
  12. Marzo 2021: il Laboratorio si pone nelle condizioni di eseguire un secondo livello diagnostico relativo alla diagnostica molecolare in RT-PCR Real Time con l’acquisizione di kit in grado di identificare le mutazioni caratterizzanti le varianti COVID-19. Il test è in grado di effettuare un primo screening RT-PCR Real-Time per la rilevazione ed identificazione simultanea della presenza delle mutazioni nel gene S dell'RNA del virus SARS-CoV-2, responsabili delle varianti inglese, sudafricana e brasiliana/giapponese. Questa diagnostica si colloca ad un livello meno specifico del sequenziamento del genoma virale che prevede tempistiche lunghe e la dotazione di una strumentazione complessa, per cui in Regione Emilia-Romagna sono stati identificati due centri di riferimento che hanno il compito di sequenziare i tamponi, selezionati dai vari Laboratori, che presentino caratteristiche compatibili con l’esecuzione della metodica. Tuttavia i kit possono comunque dare indicazioni sulla possibile presenza di varianti e venire in supporto di un precoce e più efficace tracciamento. I campioni per i quali sarà rilevato un sospetto di variante verranno successivamente inviati a sequenziamento per una più approfondita caratterizzazione.

Continua lo screening di tutti i dipendenti dell’Azienda Ospedaliera che prevede l’esecuzione di tamponi molecolari.

Per quanto riguarda la diagnostica sierologica il test è richiedibile per tutti i reparti e tutti gli ambulatori dell'Ospedale di Cona, nonché per gli Ospedali AUSL di Ferrara.


Galleria Fotografica strumentazione "AB ANALITICA"


Nuova strumentazione per analisi tamponi (1).jpg   Nuova strumentazione per analisi tamponi (2).jpg   Nuova strumentazione per analisi tamponi (3).jpg   Nuova strumentazione per analisi tamponi (4).jpg  

Nuova strumentazione per analisi tamponi (5).jpg

Nuova strumentazione per analisi tamponi (6).jpg   Nuova strumentazione per analisi tamponi (7).jpg   Nuova strumentazione per analisi tamponi (8).jpg   Nuova strumentazione per analisi tamponi (9).jpg  

Nuova strumentazione per analisi tamponi (10).jpg

Nuova strumentazione per analisi tamponi (11).jpg   Nuova strumentazione per analisi tamponi (12).jpg   Nuova strumentazione per analisi tamponi (13).jpg   Nuova strumentazione per analisi tamponi (14).jpg  

Nuova strumentazione per analisi tamponi (15).jpg



Galleria Fotografica strumentazione "DIASORIN"

diasorin (1).jpg   diasorin (2).jpg   diasorin (3).jpg   diasorin (4).jpg

diasorin (5).jpg

diasorin (6).jpg   diasorin (7).jpg   diasorin (8).jpg   diasorin (9).jpg

diasorin (10).jpg

diasorin (11).jpg   diasorin (12).jpg   diasorin (13).jpg   diasorin (14).jpg

diasorin (15).jpg



Ultimo termociclatore acquisito, a potenziamento di quello donato dall'Ordine dei Medici e delle Professioni

foto 1.jpg

 

 

I tre estrattori, uno dei quali è stato acquisito di recente per potenziare la linea diagnostica

foto 2.jpg

 

 

Strumento, aggiudicato nell'agosto 2020, ad alto potenziale (circa 500 tamponi al giorno)

foto 3.jpg   foto 4.jpg   foto 5.jpg

 

 

Strumento di diagnostica molecolare rapida per il Pronto Soccorso

foto 6.jpg   foto 7.jpg

 

 

Nuova cappa biologica acquisita recentemente

foto 8.jpg


 

creato da Eugenio Bizzarri pubblicato il 26/03/2020 10:55, ultima modifica 16/03/2021 14:12

Azioni sul documento

Strumenti personali