Salta ai contenuti. | Salta alla navigazione

Azienda Ospedaliero-Universitaria di Ferrara

Tu sei qui: Portale L'informazione News CORONAVIRUS: ATTIVATA UNA NUOVA FUNZIONE DI PRE-TRIAGE AL PRONTO SOCCORSO DI CONA

Ferrara, 2 marzo 2020

CORONAVIRUS: ATTIVATA UNA NUOVA FUNZIONE DI PRE-TRIAGE AL PRONTO SOCCORSO DI CONA

archiviato sotto: ,
Nell’ottica dell’emergenza Coronavirus, sulla scorta delle indicazioni ministeriali in tema di prevenzione che hanno portato tante strutture sanitarie ad allestire postazioni mobili all’esterno degli ospedale, l’Azienda Ospedaliero-Universitaria di Ferrara, a partire da domani (martedì 3 marzo 2020) nel primo pomeriggio, si doterà di una nuova funzione di pre-triage.

L’attuale organizzazione logistica dei locali del Pronto Soccorso di Cona consente la realizzazione di questa funzione senza la necessità di installare Presidi Medici Avanzati (PMA) esterni alla struttura, ma direttamente all’interno dei locali del nosocomio attraverso una postazione aggiuntiva di triage.

La collocazione di quest’area all’interno del PS è stata possibile grazie allo spazio che si è creato dopo i lavori di rimodulazione e ristrutturazione (spostamento degli ambulatori di oculistica e pediatria) dei locali del Pronto Soccorso avvenuti un paio di anni fa.

 

Come funziona il nuovo pre-triage. A partire da domani le persone che accedono al PS di Cona effettueranno un pre-triage. Qui verranno accolti da personale infermieristico che avrà il compito di accertare: la presenza di sintomatologia riconducibile al Coronavirus e/o eventuali contatti avuti con le “zone rosse”. Nel caso si presenti una di queste due condizioni il paziente sarà inviato in un’area di isolamento appositamente allestita in PS.

 

“Colloqui filtro” nelle aree ambulatoriali. Sempre nella giornata di domani prenderà il via, in tutte le aree ambulatoriali del S. Anna, una funzione di filtro finalizzata ad uno screening preventivo utile ad identificare pazienti con sintomatologia riconducibile al Coronavirus o che abbiano avuto contatti con le “zone rosse”. I pazienti, prima di accedere alle visite specialistiche, verranno “interrogati” da personale infermieristico dedicato per verificare l’eventuale presenza di una o di entrambe le condizioni sopracitate. Nel caso di necessità, in ogni area ambulatoriale, è stata predisposta una zona di isolamento.

creato da ufficiostampa pubblicato il 02/03/2020 17:30, ultima modifica 20/03/2020 12:10

Azioni sul documento

Strumenti personali