Salta ai contenuti. | Salta alla navigazione

Azienda Ospedaliero-Universitaria di Ferrara

Tu sei qui: Portale L'informazione News Donazioni all'Unità Operativa Complessa di Terapia Intensiva Neonatale e Neonatologia

Ferrara, 20 febbraio 2013

Donazioni all'Unità Operativa Complessa di Terapia Intensiva Neonatale e Neonatologia

archiviato sotto: ,
Si è svolta oggi, mercoledì 20 febbraio, presso la Direzione Generale dell’Ospedale S. Anna a Cona una conferenza stampa per illustrare ai giornalisti le donazioni ricevute dall’Unità Operativa Complessa di Terapia Intensiva Neonatale e Neonatologia.
Donazioni all'Unità Operativa Complessa di Terapia Intensiva Neonatale e Neonatologia

Strumenti donati

Erano presenti il Direttore Generale dell’Azienda Ospedaliero-Universitaria di Ferrara dott. Gabriele Rinaldi, il Direttore Sanitario del S. Anna dott. Andrea Gardini, la Coordinatrice Infermieristica di Terapia Intensiva Neonatale Maria Grazia Cristofori e il Direttore dell’Unità Operativa Complessa di Terapia intensiva Neonatale e Neonatologia dott. Giampaolo Garani.

 

Considerando le esigenze dell’utenza che afferisce al nostro Servizio, da diversi anni cerchiamo di prestare attenzione ai continui cambiamenti tecnologici, organizzativi e assistenziali nell’ottica di ricercare un percorso di miglioramento e di ottimizzazione delle risorse a nostra disposizione nell’assistenza ai piccoli ricoverati. Tale obiettivo lo stiamo perseguendo con una fattiva collaborazione con alcune associazioni di volontariato sia a livello locale che nazionale (ASM Onluns, NatiPrima e Vola nel Cuore).

 

Questa collaborazione che ormai dura da almeno 5-6 anni ha consentito l’acquisizione di tecnologie sofisticate e la collaborazione con figure professionali (“psicologa”) che ci consentono un miglioramento assistenziale continuo.

 

In particolare:

  • ASM Onlus (Associazione Italiana Studio Malformazioni Onlus):    è un’associazione molto conosciuta che nell’ambito sanitario. È sorta nel 1981 e la sfida impegnativa ma irrinunciabile che sta conducendo è quella, utilizzando un’informazione scientifica puntuale e approfondita,  di fornire indicazioni per diminuire il numero dei bambini che ancor oggi nascono con una malattia congenita (malformazioni congenite, malattie rare). Tale obiettivo viene perseguito, sulla base di una storia più che trentennale, avvalendosi di ottimi medici e ricercatori che animano le attività scientifiche e con investimenti mirati.

In Italia,ogni giorno, nascono ben 13 bambini molto prima del termine. In un anno ammontano a oltre 5.000 i molto piccoli venuti alla luce anticipatamente rispetto alla normale tempistica della gravidanza. Questi numeri ci consentono di capire l’importanza e la gravità del problema. La vita, subito dopo la nascita, per questa tipologia di pazienti è fragile. Lo è ancor di più se il parto è avvenuto molto prima del tempo (anche 12-16 settimane prima). Per salvare i bambini prematuri e “ultraprematuri” occorre intervenire con estrema rapidità e con mezzi adeguati,       

La speranza di sopravvivere e di potere iniziare un percorso di vita normale, per un prematuro, è legata alle cure prodigate nei momenti immediatamente successivi al parto, prima ancora di raggiungere i reparti neonatologici specializzati dove sarà seguito adeguatamente. Per questo ASM ha raccolto i fondi per acquistare e donare a diversi ospedali incubatrici di ultima generazione dotate di dispositivi sofisticati, che consentono l’assistenza intensiva al neonato.        
La campagna nella quale siamo stati coinvolti con altre realtà italiane e stata battezzata “Le culle della speranza”  e ci è stata donata un’incubatrice Dual Incui Atom. .

  • NatiPrima Onlus: nata dall’esperienza di una coppia e di Giada: “Ciao a tutti, io sono Giada e vi scrivo la mia storia, quella della mia mamma Marika e del mio papà Cristian per aiutarvi a capire quanto è stato difficile il mio arrivo e i primi mesi della mia vita.”

I progetti che stiamo affrontando e realizzando sono a) “il mio bimbo è giallo” ovvero il percorso assistenziale del neonato con ittero e b) “il follow-up del neonato di peso molto basso”  che consiste in un percorso assistenziale con presa in carico dalla nascita fino ai due anni di vita del piccolo prematuro.         
Per affrontare e condurre a termine il primo progetto ci sono state donate alcune attrezzature quali il bilirubinometro transcutaneo, il bilirubinometro e la centrifuga per capillari (che ci consentono di determinare e monitorare il valore della bilirubina nel modo meno invasivo possibile)  e una borsa di studio che, rinnovata annualmente, consente la collaborazione di una psicologa per 40 ore mensili che svolge un ruolo insostituibile in reparto nel sostegno dei genitori dei piccoli pazienti durante il ricovero che prosegue dopo la dimissione nell’ambito dell’ambulatorio del follow-up. Questa collaborazione ci consente a) di affrontare più serenamente il percorso valutativo del prematuro e b) di sostenere e affiancare i genitori per questo periodo di tempo (anche 2 anni e mezzo). Parte integrante di questo percorso assistenziale integrato, attivo dal 2009, sono i Pediatri di Libera scelta e i Servizi Territoriali (SMRIA).

 

  • Vola Nel Cuore Onlus è stata costituita nell’ottobre 2004. L’ obiettivo dell’associazione è quello di far trascorrere nel modo più sereno e tranquillo possibile la permanenza dei piccoli pazienti nelle strutture ospedaliere di Ferrara. Affronta anche piccoli (..e grandi!) progetti quali la fornitura ai reparti di attrezzature indispensabili per l’aggiornamento tecnologico e di ciò che favorisce la serenità del bambino durante la degenza.... La mission non è "limitata" soltanto all'aspetto ospedaliero. Le altre iniziative sono incontri, manifestazioni, spettacoli, ... tutto per dare la possibilità ai bambini di vivere in modo più sopportabile e per trasmettere loro ciò che vive nel nostro cuore.

 

Con il “progetto TIP”  dopo aver donato nel biennio 2007/2008 il materiale base ( due travi testa letto Gemina Draeger) per allestire la prima postazione di Terapia Intensiva Pediatrica dell'ospedale di Ferrara ha continuato a collaborare fino a portare a termine l’allestimento delle due postazioni di TIP nel nostro Reparto con la donazione della terza trave Gemina Duo e di un ventilatore pediatrico Babylog VN500 (adatto per i pazienti in età neonatale e pediatrica) (vedi foto) 
L’impegno è stato ampliato per un progetto molto particolare..denominato "Un Reparto da Favola" che consiste in un complesso intervento di umanizzazione nel nuovo reparto pediatrico del nuovo polo ospedaliero di Cona (Ferrara). Tale progetto donerà a tutti i bimbi che transiteranno dal reparto pediatrico, un ambiente immerso in una meravigliosa atmosfera da favola.

creato da DallacquaL — pubblicato il 20/02/2013 14:45, ultima modifica 21/03/2013 09:20

Azioni sul documento

Strumenti personali