Salta ai contenuti. | Salta alla navigazione

Azienda Ospedaliero-Universitaria di Ferrara

Tu sei qui: Portale L'informazione News 17 FERITI AL S. ANNA PER L’INCIDENTE IN AUTOSTRADA

Ferrara, 15 dicembre 2015

17 FERITI AL S. ANNA PER L’INCIDENTE IN AUTOSTRADA

archiviato sotto:
Allerta per l’attivazione del “Piano di Emergenza Interno per Massiccio Arrivo di Feriti” (PEIMAF, presente dal 2013), avvisato urgentemente tutto il personale sanitario delle Unità Operative potenzialmente coinvolte e rinforzo immediato del personale del Pronto Soccorso: queste le prime azioni messe in atto della Direzione Medica e dalla Direzione delle Professioni dell’ospedale di Cona, dopo il terribile incidente verificatosi stamattina in autostrada.
17 FERITI AL S. ANNA PER L’INCIDENTE IN AUTOSTRADA

Pronto Soccorso

Al Pronto Soccorso dell’Azienda Ospedaliero – Universitaria sono arrivati in tutto 17 feriti proveniente dall’A13. Tutte le persone (tra cui 2 pazienti giunti a Cona con mezzi propri) sono state trasportate dalle ambulanze. Tra questi anche 5 Vigili del Fuoco e 2 autisti dei mezzi di soccorso, rimasti intossicati dai fumi dell’ossido di zinco fuoriuscito da una cisterna coinvolta nel maxi tamponamento. Fra tutti i feriti gestiti dal personale sanitario di Cona si registrano 2 codici rossi, 2 gialli e tutti gli altri verdi.

“Eravamo pronti a gestire questo evento – dice Angelo Lenzi, caposala del Pronto Soccorso – anche grazie all’attivazione immediata di tutti quei meccanismi aziendali che ci hanno pre allertato per tempo. Il personale del Pronto Soccorso ha retto bene l’afflusso dei feriti e la solidarietà dei colleghi – anche quelli pronti a rientrare al lavoro da casa – è stata esemplare”.

 

IL PIANO PEIMAF. Anche se il piano PEIMAF - “Piano di Emergenza Interno per Massiccio Arrivo di Feriti” - non è, per fortuna, mai partito, l’allerta c’è stata eccome. Dalla Direzione Medica e dalla Direzione delle Professioni, ci spiegano Roberto Bentivegna e Rita Maricchio, “abbiamo subito pre allertato i nostri professionisti alla possibilità di attivare il PEIMAF. Per affrontare le grandi emergenze e disporre di un adeguato trattamento per un numero importanti di feriti la nostra Azienda si è dotata di un piano di azione che coinvolge molte Unità Operative, a partire dal Pronto Soccorso. Un’unità di crisi che, per fortuna, non abbiamo avuto bisogno di attivare”.

creato da Dallacqua Luca pubblicato il 15/12/2015 14:30, ultima modifica 15/12/2015 18:19

Azioni sul documento

Strumenti personali