Salta ai contenuti. | Salta alla navigazione

Azienda Ospedaliero-Universitaria di Ferrara

Tu sei qui: Portale L'informazione Comunicati stampa Archivio anni precedenti Archivio 2009 Marzo 2009 Cancro colo-rettale: seconda causa di morte

19 marzo 2009

Cancro colo-rettale: seconda causa di morte

Alle ore 9.00 di domani, venerdì 20 marzo, presso l'Hotel Duchessa Isabella, si terrà il convegno "Il cancro colo-rettale a Ferrara: Dallo screening alle nuove frontiere diagnostico-terapeutiche".

Il cancro colo-rettale è una malattia di grande attualità. In Italia, esso è al terzo posto per incidenza, secondo per mortalità, fra i tumori di ambo i generi, e la Provincia di Ferrara si distingue per tassi d'incidenza fra i più elevati nel Paese.

A Ferrara, il cancro colo-rettale è il secondo per incidenza sia nell'uomo sia nella donna, seguendo rispettivamente, quello polmonare e quello mammario. In particolare, l'incidenza nell'uomo è di circa 65 casi ogni 100'000 abitanti con mortalità di 30/100'000 abitanti, e nella donna di oltre 45 casi ogni 100'000 abitanti con mortalità di quasi 20/100'000 abitanti. Tali tassi sono in crescita per l'incidenza e in lieve riduzione per la mortalità, particolarmente nella donna. Inoltre, rispetto alla Regione Emilia-Romagna, l'incidenza e la mortalità a Ferrara sono maggiori in entrambi i generi.

Da quasi quattro anni, nella Regione Emilia-Romagna, è partito un programma di screening per il cancro del colon-retto che si basa sulla ricerca del sangue occulto nelle feci nei soggetti fra 50 e 69 anni di età. La colonscopia è offerta in caso di positività al sangue occulto, ai soggetti di età compresa fra 70 e 74 anni e per la sorveglianza dei familiari di primo grado dei pazienti con cancro colo-rettale.



Il convegno multidisciplinare vuole fare il punto sulla situazione dello screening regionale nella nostra Provincia, presentando, analizzando e discutendo i dati di questi primi anni. In seguito allo screening vi è stato certamente un aumento nella diagnosi di lesioni colo-rettali precoci e da qui la decisione di discuterne specificatamente, inquadrandone l'eziopatogenesi e il percorso sia diagnostico che terapeutico basato sulle evidenze scientifiche disponibili.

 

creato da Webmaster pubblicato il 19/03/2009 17:24, ultima modifica 21/08/2019 11:46

Azioni sul documento

Strumenti personali