Salta ai contenuti. | Salta alla navigazione

Azienda Ospedaliero-Universitaria di Ferrara

Tu sei qui: Portale L'informazione Comunicati stampa Archivio anni precedenti Archivio 2009 Gennaio 2009 Il placebo nelle sperimentazioni cliniche

SABATO 17 GENNAIO IL WORKSHOP

Il placebo nelle sperimentazioni cliniche

Aspetti farmacologici ed etici
Il Comitato Etico Provinciale di Ferrara è stato costituito nel 2007 ed è competente per tutte le sperimentazioni su pazienti del S.Anna, dell'Università e dell'Azienda Usl. Insieme alla Sezione di Farmacologia dell'Università di Ferrara e con il patrocinio della Società Italiana di Farmacologia, organizza un incontro per Sabato 17 Gennaio 2009, nelle Nuove Cliniche del S. Anna, che è rivolto ai componenti di Comitati Etici, a medici, farmacisti ed altri professionisti interessati alle sperimentazioni cliniche. Interverranno esperti italiani di Medicina Legale, Farmacologia e Giurisprudenza, che discuteranno con i componenti del Comitato Etico di Ferrara ed i loro colleghi di altre province.

Per effetto "placebo" si intende una serie di reazioni dell'organismo ad una terapia, non derivanti dai principi attivi insiti nella terapia stessa, ma dalle attese dell'individuo. In altre parole, l'effetto placebo è una conseguenza del fatto che il paziente, specie se favorevolmente condizionato dai benefici di un trattamento precedente, si aspetta o crede che la terapia funzioni, indipendentemente dalla sua efficacia "specifica". L'effetto placebo contribuisce non poco anche all'efficacia di una terapia specificamente attiva: per discriminare tra queste due componenti si progettano gli studi clinici controllati contro placebo.

Dall'altra parte, le raccomandazioni dell'ente regolatorio europeo per la registrazione dei medicinali (EMEA), richiama la dichiarazione di Helsinki sull'etica delle sperimentazioni ed afferma che qualsiasi studio volto a documentare l'efficacia di un trattamento deve comunque garantire ai pazienti la miglior terapia disponibile.

Nel lavoro dei Comitati Etici non di rado sorgono perciò interrogativi sul significato della "miglior terapia disponibile", per esempio quando esistono già classi terapeutiche di riferimento per una patologia. Quindi: in quali casi è, quindi, accettabile l'uso del placebo e in quali no?

 

creato da Webmaster pubblicato il 15/01/2009 12:55, ultima modifica 21/08/2019 11:46

Azioni sul documento

Strumenti personali