Salta ai contenuti. | Salta alla navigazione

Azienda Ospedaliero-Universitaria di Ferrara

Tu sei qui: Portale L'informazione Comunicati stampa Archivio anni precedenti Archivio 2009 Aprile 2009 Giornata nazionale della persona con lesione al midollo spinale

04 aprile 2009

Giornata nazionale della persona con lesione al midollo spinale

Il 4 Aprile è la Giornata nazionale della persona con lesione al midollo spinale, problematica su cui riteniamo sia molto importante richiamare l'attenzione visto che il tipo di disabilità che ne consegue comporta un alto costo personale, famigliare e sociale.

I traumi midollari riguardano nell'80% dei casi giovani uomini sotto i 40 anni di età; la causa prevalente sono gli incidenti della strada, seguiti dagli incidenti domestici e sportivi; un danno midollare può comportare una paralisi di tutti e quattro gli arti (tetraplegia) o dei soli arti inferiori (paraplegia); purtroppo non sono mai presenti solo i deficit motori, che sono l'effetto più visibile e conosciuto, ma anche disturbi della sensibilità, delle funzioni vescicali, intestinali e sessuali, aspetti che, chiaramente, hanno un peso rilevante sulla qualità di vita di queste persone.
Il percorso di riabilitazione che le persone mielolese devono affrontare dopo il trauma è lungo e faticoso, fatto di molti momenti difficili e di molte sfide da superare, in primo luogo quella di prendere coscienza della propria mutata condizione e della necessità di riprogettare tutta la propria vita.
La riabilitazione di queste persone prevede una presa in carico di tipo globale, coinvolge anche la loro famiglia e si occupa di tutti gli aspetti della loro vita, da quello motorio a quello affettivo, sociale e lavorativo; quest'ultimo in particolare è un aspetto fondamentale: si è visto infatti che la possibilità di un ritorno al lavoro, quando possibile lo stesso di prima del trauma o un altro adatto alle mutate condizioni fisiche della persona, è una tappa fondamentale nel percorso di ricostruzione della propria vita favorisce enormemente il processo di adattamento alla situazione di disabilità".

Importante è anche il contatto diretto con altre persone con disabilità simile, che aiuta a scoprire le proprie potenzialità e le modalità con cui affrontare le difficoltà che si incontrano quotidianamente, dalle barriere architettoniche ai pregiudizi sociali e culturali.
A Ferrara l'Ospedale di Riabilitazione "San Giorgio" ha seguito negli ultimi dieci anni oltre 250 persone che hanno subito un trauma midollare, provenienti da tutte le parti d'Italia, accompagnandole nel percorso di recupero del miglior livello di vita possibile sul piano fisico, funzionale, sociale ed emozionale, pur nell'ambito delle limitazioni date dalla menomazione subita; l'Ospedale "San Giorgio" ospita al suo interno la sede dell'Associazione "V.I.D.A", fondata da un gruppo di ragazzi mielolesi con la finalità di dare supporto alle persone traumatizzate e alle loro famiglie, di creare momenti di incontro e ricreativi e di promuovere l'attività culturale e sportiva delle persone disabili.
I ragazzi della V.I.D.A. il 4 Aprile saranno in Piazza Municipale, con le loro moto a quattro ruote, i QUAD, le loro carrozzine, le loro biciclette speciali per richiamare l'attenzione di tutti i cittadini sulle problematiche delle persone mielolese ma anche per festeggiare il matrimonio di una persona che per molti di loro ha rappresentato un punto di riferimento ed un esempio molto importante. Il 4 Aprile infatti, oltre ad essere la «Giornata nazionale del traumatizzato spinale» è anche il giorno in cui Roberto Vitali ha scelto di sposarsi con la sua compagna Susanna.

Roberto Vitali, paraplegico da oltre 30 anni in seguito ad un incidente stradale, è stato, a Ferrara ma non solo, promotore di importanti ed innovativi progetti volti a migliorare l'integrazione delle persone disabili; ricordiamo l'apertura dell'Ufficio Informahandicap, la promozione di interventi volti a migliorare l'accessibilità degli uffici pubblici, delle strade, dei mezzi di trasporto, la collaborazione alla costruzione di due appartamenti domotizzati, la messa a punto nel 1995, insieme agli operatori dell'Ospedale "San Giorgio", del progetto "Salvati la vita", importante attività di prevenzione degli incidenti della strada rivolta agli studenti delle Scuole Medie Inferiori e Superiori a cui partecipano in qualità di "testimonial" anche ragazzi che hanno subito un trauma spinale.
E il fatto che il matrimonio di Roberto Vitali avvenga proprio in questa data è una coincidenza troppo bella ed importante per non sottolinearla e festeggiarla degnamente!!

 

creato da Webmaster pubblicato il 30/03/2009 14:44, ultima modifica 21/08/2019 11:46

Azioni sul documento

Strumenti personali