Salta ai contenuti. | Salta alla navigazione

Azienda Ospedaliero-Universitaria di Ferrara

Tu sei qui: Portale L'Azienda Cenni storici I secoli successivi

I secoli successivi

Fino ad allora l'ospedale era luogo di ricovero per pellegrini, viandanti, mendicanti, infermi, bastardi, miserabili. Il peso dell'assistenza e della cura era tutto sostenuto da confraternite, essenzialmente di ispirazione cristiana. Anzi la Chiesa stessa organizzava in qualche modo l'ospitalità e la cura dei bisognosi, e a fianco di molte chiese e conventi sorgevano luoghi, chiamati "hospitali", destinati ad accogliere tutti coloro che necessitavano di pane, un giaciglio, un poco di conforto; soprattutto gli ammalati, perché allora le malattie colpivano ancor più duro di adesso e spesso imperversavano spaventose epidemie.
Il S. Anna, costruito nel 1944 vicino alla fossa del castello fuori Porta del Leone, rappresentava un radicale mutamento nel concetto di assistenza: era un ospedale nel senso moderno del termine, costruito secondo il modello dell'Ospedale di S. Maria Nuova a Firenze, disponendo di ampi locali per uomini, per donne e del personale di assistenza e sanitario specializzato necessario per la cura dei malati. Subito divenne punto di riferimento per malati anche forestieri, tanto da essere chiamato prima "Magnum", cioè grande e poi "Arcispedale", attributo che onora tuttora il S. Anna.
Era già operante in quel tempo a Ferrara uno Studio Generale (Università), che aveva fra i suoi insegnamenti la Teologia, la Giurisprudenza, la Retorica e la Medicina.cella Tasso La facoltà di Medicina e Chirurgia dell'Università d Ferrara, con vari nomi ed alternando periodi oscuri ad altri di grande sviluppo e fama, ha rappresentato nei secoli il sostegno culturale e scientifico di questo ospedale, annoverando illustri maestri della scienza medica quali Leoniceno, Menardo, Canani, Brasavola.
Essi operarono a fianco di scienziati quali Paracelso e Copernico e, nell'ambiente della Corte Estense, con gli stimoli culturali offerti dalle innovazioni letterarie dell'Ariosto e Tasso, dall'urbanista Biagio Rossetti, dai tanti pittori insigni della scuola ferrarese.



creato da Webmaster pubblicato il 06/09/2004 15:40, ultima modifica 14/06/2011 11:46

Azioni sul documento

Strumenti personali