Salta ai contenuti. | Salta alla navigazione

Azienda Ospedaliero-Universitaria di Ferrara

Tu sei qui: Portale L'informazione News PRESENTATI I NUOVI DIRETTORI DI MAXILLO FACCIALE, CHIRURGIA VASCOLARE E GASTROENTEROLOGIA

Ferrara, 15 maggio 2018

PRESENTATI I NUOVI DIRETTORI DI MAXILLO FACCIALE, CHIRURGIA VASCOLARE E GASTROENTEROLOGIA

archiviato sotto:
Questa mattina si è svolta la conferenza stampa di presentazione dei tre nuovi Direttori di Unità Operativa. Si tratta di Manlio Galiè (Chirurgia Maxillo Facciale), Vincenzo Gasbarro (Chirurgia Vascolare) e Alberto Merighi (Gastroenterologia). All'incontro con la stampa, oltre ai tre professionisti, erano presenti il Direttore Generale del S. Anna Tiziano Carradori e il Direttore Sanitario Eugenio Di Ruscio.
PRESENTATI I NUOVI DIRETTORI DI MAXILLO FACCIALE, CHIRURGIA VASCOLARE E GASTROENTEROLOGIA

da sinistra: Galiè, Carradori, Merighi, Gasbarro, Di Ruscio

Abbiamo posto tre domande ai nuovi Direttori di Unità Operativa:

- Che ambiente si aspetta di trovare al suo arrivo?

GALIE'. L’Unità Operativa di Chirurgia Maxillo-Facciale è una Struttura Complessa ad Alta Specializzazione del Dipartimento ad Attività Integrata (DAI) di Chirurgie Specialistiche.  E’ un Centro all’avanguardia di rilievo Nazionale e Internazionale per lo studio e il trattamento chirurgico delle Patologie del distretto Cranio-Maxillo-Facciale con la presenza di competenze distintive in alcune specifiche aree quali le Malformazioni congenite complesse del distretto craniofacciale, la Patologia e Chirurgia Orbitaria con particolare riferimento alla diagnosi e al trattamento multidisciplinare dell’Orbitopatia Endocrina (Orbitopatia di Graves ) e le tecniche ricostruttive con l’utilizzo delle cellule adipose nel trattamento delle gravi deformità del volto conseguenti a traumi, tumori e malformazioni. La Chirurgia Maxillo-Facciale è inserita nella Rete Nazionale per la prevenzione, la sorveglianza, la diagnosi e la terapia delle malattie rare.

MERIGHI. Sono sicuro di trovare una Struttura Ospedaliera moderna, funzionale, con presenza di molteplicità di competenze ed un ambiente di lavoro caratterizzato da concretezza ed impegno. La Gastroenterologia di Ferrara è da anni caratterizzata da attività ambulatoriali, di day hospital, degenza e strumentali di Endoscopia digestiva, ecografia, fisiopatologia per rispondere alle diverse esigenze dei pazienti con patologie gastroenterologiche in fase acuta e in fase di cronicità. Immagino che incontreremo fattori di criticità su cui lavorare ed alcuni problemi da affrontare in modo costruttivo per dare risposte concrete ai bisogni dei pazienti.

GASBARRO. Sono entrato a far parte della grande famiglia dell’Azienda Ospedaliero - Universitaria dal lontano 1989, pertanto penso di conoscerla bene e conosco il valore dei professionisti che ne fanno parte. Oggi mi appresto a dirigere un’Unità Operativa di prestigio, il cui valore scientifico e professionale è riconosciuto sia in ambito nazionale che internazionale.


- Come vede il futuro della sua Unità Operativa?

GALIE'. L’Unità Operativa di Chirurgia Cranio-Maxillo-Facciale ha iniziato la propria attività nel giugno del 1997 dopo l’arrivo del Prof. Luigi Clauser. L’impulso dato all’attività negli ultimi anni ha portato il Centro di Ferrara ad essere considerato uno dei più qualificati per determinate patologie (Malformazioni Congenite Cranio-Facciali, Distrazione Osteogenetica, Chirurgia Ricostruttiva, Oftalmopatia di Graves) a livello internazionale, e ci viene richiesto il trattamento di pazienti provenienti oltre che da altre regioni anche dall’estero. Di recente è stato attivato un progetto di collaborazione con la Reumatologia per la diagnosi e il trattamento delle patologie dell’articolazione temporo-mandibolare che si associano a patologie reumatologiche. Per il futuro la struttura si propone di sviluppare competenze superspecialistiche in un contesto clinico multidisciplinare rinforzando le sinergie in essere con le altre eccellenze aziendali, con l’obiettivo di mantenere sempre il paziente al centro del percorso di cura.

MERIGHI. L’impegno per il futuro sarà di fornire risposte dal punto di vista clinico, organizzativo e gestionale adeguate ai cambiamenti dell’epidemiologia della popolazione e delle patologie. Per cogliere queste sfide sarà indispensabile una particolare attenzione alla costante, rapida e non completamente prevedibile evoluzione delle tecnologie e delle terapie. Per questo è necessario che lo sviluppo delle attività avvenga nell’ambito di percorsi diagnostico-terapeutici multidisciplinari ed in rete con le altre strutture del territorio.

GASBARRO. Il futuro si presenta con ottime prospettive di crescita avendo a disposizione forze giovani che hanno voglia di crescere e stare al passo con i nuovi orientamenti sia in ambito diagnostico che terapeutico. In questi ultimi mesi abbiamo migliorato sensibilmente il rapporto col territorio, offrendo una copertura specialistica rapida e efficace con un’immediata presa in carico del paziente con problematiche vascolari. Attualmente siamo sempre più proiettati verso procedure a basso impatto di ospedalizzazione come quelle endovascolari. Questo ci permetterà di ridurre i tempi di degenza, aumentando la nostra capacità assistenziale.


Breve commento sulla sua nomina

GALIE'. La Chirurgia Maxillo-Facciale è una disciplina relativamente giovane ma ben consolidata nel panorama sanitario ed ha avuto negli ultimi anni un notevole sviluppo in tutto il mondo. Grazie al supporto della Direzione Generale e Strategica la struttura è stata mantenuta a Ferrara ed ora assume un ruolo assolutamente peculiare e completo con le altre strutture regionali, un network sanitario in grado di offrire tutte le prestazioni chirurgiche ad alta specializzazione. Grazie ai miei maestri, il prof. Camillo Curioni, padre fondatore della chirurgia maxillo-facciale italiana, e il dott. Luigi Clauser, che ha creato circa 20 anni fa il Centro di Ferrara, proseguirò la mia attività nella stessa direzione cercando di sviluppare in un’ottica di modernità quanto costruito finora. Con l’obiettivo che tutti i pazienti possano ricevere le cure e l’assistenza migliore. Naturalmente proseguirò la mia intensa attività di Education ed internazionale per supportare lo sviluppo della nostra disciplina anche nei paesi a risorse limitate.

MERIGHI. Sono molto contento di ritornare a lavorare a Ferrara nel reparto dove avevo lavorato da giovane medico. Dopo l’immediata soddisfazione per la nomina prevalgono l’impegno e la responsabilità di contribuire alla prosecuzione di quanto viene fatto e allo sviluppo ed innovazione indispensabili per rispondere alle esigenze dei pazienti e della popolazione nella prevenzione, diagnosi e terapia delle patologie di interesse gastroenterologico.

GASBARRO. Sono molto felice di ricoprire l’incarico che questa Direzione mi ha voluto affidare. Non posso dimenticare di essere anche un professore di Chirurgia Vascolare del nostro Ateneo e, su queste basi, mi impegnerò a fare della Chirurgia Vascolare un’Unità Operativa con una forte inclinazione verso la ricerca, senza trascurare un obiettivo primario come quello assistenziale.

creato da ufficiostampa pubblicato il 15/05/2018 14:55, ultima modifica 15/05/2018 14:55

Azioni sul documento

Strumenti personali