Salta ai contenuti. | Salta alla navigazione

Azienda Ospedaliero-Universitaria di Ferrara

Tu sei qui: Portale L'informazione News 18 novembre 2019 "La verità sotto i ferri" - in merito alle questioni FIALS

Ferrara - 18 novembre 2019

18 novembre 2019 "La verità sotto i ferri" - in merito alle questioni FIALS

archiviato sotto: ,
In riferimento alla notizia pubblicata su Estense.com del 14 novembre 2019 “Piastra chirurgica, nessuna conciliazione. Lo sciopero è vicino” si precisa quanto segue.

All’incontro del 6 novembre scorso in Prefettura, in merito al tentativo di conciliazione, l’Azienda Ospedaliero-Universitaria, a fronte delle generiche affermazioni di FIALS, ha formalizzato la propria posizione consegnando documentazione volta a riscontrare e riassumere gli aspetti rilevati dalla O.S. in merito alla dotazione organica, all’organizzazione, alle eccedenze orarie e all'attività di procurement/espianti.

Di quanto detto è stato prodotto un verbale di incontro, dal quale risulta come non corrisponda al vero quanto FIALS attribuisce al Direttore Generale con particolare riferimento all’ ”auto elogio” per il risanamento della situazione economica aziendale. Il Direttore Generale ha invece messo in evidenza come – in assoluta controtendenza - l’Azienda sia riuscita a compiere potenziamenti di dotazione organica nonostante fosse in piano di rientro (da cui è uscita nel dicembre 2018). La materia era all’ordine del giorno poiché si discuteva della “carenza di organico”, lamentata da FIALS nello stato di agitazione. In risposta l’Azienda ha portato dei dati numerici che evidenziano un incremento di 10 unità infermieristiche e 1 di personale Operatore socio sanitario nel periodo che va da gennaio 2017 a giugno 2019. 

In termini di programmazione agita a livello aziendale, FIALS dovrebbe essere a conoscenza del Piano aziendale dei fabbisogni di personale 2019-2021, trasmesso quale informazione a tutte le Organizzazioni Sindacali, nel quale è stato previsto un potenziamento di 4 unità di personale OSS, alla cui assunzione si sta procedendo, con i previsti tempi tecnici, dato che il piano è stato approvato dalla Regione ad ottobre.

Altro elemento privo di ogni consistenza oggettiva riguarda il numero degli operatori presenti all’interno del contesto con contratto di lavoro a tempo determinato; come rappresentato puntualmente sia in termini generali (n. 118 operatori infermieristici sull’intera Piastra operatoria) che in termini specifici (n. 44 operatori infermieristici nel Blocco 24) il numero complessivo di personale a tempo determinato è pari a una unità infermieristica e 2 Operatori socio sanitari, di cui 1 nel blocco 24 ( su n. 12 OSS) e 1 nel blocco 21-22 (su n. 16 OSS). Si rappresenta che, in tutti i casi, si procederà alla proroga di detti incarichi al fine di garantire la continuità e non disperdere le competenze acquisite.

Per quanto riguarda i “cambi di setting chirurgici”, criticità a parere di FIALS, si afferma che tali condizioni non si possono escludere all’interno di una organizzazione complessa come quella di un blocco operatorio, anche al fine di garantire la programmazione degli interventi e il contenimento dei tempi di attesa. Quando ciò avviene, la modifica è concordata tra le componenti professionali coinvolte ferme restando le valutazioni legate alle competenze specifiche del personale. 

Nel tentativo di conciliazione l’Azienda ha anche documentato l’infondatezza dell’affermazione di FIALS in merito all’ “incontro negato” e alla “omessa informazione”. Fials, infatti, non ha mai risposto all’invito aziendale di specificare la richiesta di incontro che per la genericità della formulazione non consentiva di individuarne il corretto oggetto. Così come non sono mancate le puntuali informazioni e comunicazioni a tutte le organizzazioni sindacali sulle modifiche organizzative. Anche di ciò si è dato evidenza nell’incontro in Prefettura.

Si precisa che la “chiusura” del Direttore Generale è avvenuta a fronte di un’affermazione relativa alla sicurezza da parte della Sig.ra Boschetti, che ha dichiarato, senza dati oggettivi, come la carenza di personale porti a potenziali rischi sulla sicurezza degli operatori oltre che dei pazienti.

Successivamente all’incontro la Direzione ha verificato – così come dichiarato – per rispondere a precisi doveri di responsabilità oltre che gestionali e dall’analisi delle segnalazioni pervenute (complessivamente n. 13 nel periodo gennaio-ottobre 2019) si evince che esse non sono correlate all’ asserita carenza di personale. In ogni caso, tutte le segnalazioni ricevute sono state oggetto di discussione attraverso incontri specifici al fine di individuare azioni di miglioramento. 

L’Azienda ha anche fornito dati sulla quantità di espianti di organo (Fials parla di interventi multi organo) che sono pari a n. 19 alla data odierna. Tale attività quindi non impatta sui volumi di attività complessiva della piastra operatoria, e quindi sul carico di lavoro del personale, oltre ad essere specificamente incentivata con una quota di remunerazione ad hoc.

Infine, in relazione ai maggiori istituti contrattuali (ferie, n. turni di pronta disponibilità e eccedenze orarie), l’analisi non evidenzia situazioni indicative di sovraccarico lavorativo. Del pari si puo’ affermare che i richiami in servizio da ferie hanno una frequenza prossima allo zero.

Infatti, per quanto riguarda le ferie, si evidenzia che i residui al 31.12 sono compatibili con la fruizioni degli stessi entro il semestre dell’anno successivo, come da normativa di settore.

Per quanto riguarda l’orario in eccedenza sempre nel Blocco 24 e rispetto alle 36 ore settimanali, i dati rilevati evidenziano una media pro capite di 2 ore e 48 minuti mensili.

Per quanto riguarda i turni di pronta disponibilità (PD), l’analisi dei dati circoscritta al personale infermieristico assegnato al blocco 24, evidenzia un valore medio mensile per operatore che oscilla da 5 (anno 2018) a 4 (gennaio/agosto 2019) turni pro capite. Numeri medi che per il personale OSS sono leggermente superiori, pari ad un valore medio mensile (periodo gennaio/agosto 2019) di 7; attraverso l’acquisizione del personale sopra indicato, pari a 4 unità, salvo imprevisti, si prospetta un rispetto assoluto del parametro contrattuale che fissa il valore medio di turni di Pronta disponibilità mensili a 6. Si precisa che i valori sopra indicati sono espressi con la formula della media aritmetica, condizione necessaria in quanto subentrano all’interno della gestione condizioni o richieste che portano a scambi di turni di pronta disponibilità per esigenze personali, quindi non attribuibili a carenze. 

In ultima analisi si rappresenta che il numero degli interventi non ha visto sostanziali incrementi numerici nel corso dell’ultimo triennio. Infatti, mettendo a confronto il periodo gennaio/settembre 2018 e 2019 si evidenzia un incremento di n. 57 interventi. Quanto prodotto conferma l’assenza di incrementi tali da determinare una situazione di sovraccarico lavorativo che metterebbe in “affanno” (come dice Fials) i lavoratori.

creato da Eugenio Bizzarri pubblicato il 18/11/2019 09:21, ultima modifica 18/11/2019 09:21

Azioni sul documento

Strumenti personali